84esima edizione di The Micam: il punto della situazione

the micam show 2017 the micam show 2017

Si è appena conclusa l’84esima edizione di The Micam, la manifestazione interazionale del mondo della calzatura, a fiera Milano (Rho) con 1441 espositori di cui 797 italiani e 644 stranieri.

La nuova formula, ispirata all’inferno dantesco, da cui la seduzione come tema principale di questa edizione, ha visto un aumento delle presenza, del 5,6% dei visitatori italiani e il 5% esteri, per un totale di 47.187 presenze certificate.

 

Come nella scorsa edizione anche stavolta hanno partecipato, a sostegno del settore manifatturiero italiano, grandi marchi come Fendi, Salvatore Ferragamo, Gucci, Prada e Tod’s, ai quali si sono aggiunti Giorgio Armani, Jimmy Choo, Dolce&Gabbana, Sergio Rossi ed Ermenegildo Zegna.
La novità di quest’anno è stato far coincidere l’ultimo giorno della fiera con il primo della fashion week italiana, eleggendo Milano a vero e proprio polo del fashion system e creando un circolo virtuoso di attrazione mondiale.

Si è registrato infatti un notevole aumento della presenza di acquirenti internazionali, tra cui i maggiori provenienti dalla Russia, con il 32% più dello scorso settembre, seguiti da USA (+ 15 %), Cina (+ 7%), Francia (6,7%) e Germania (+4%).

E se l’85% dei prodotti italiani è destinato al mercato estero è proprio al tema del viaggio che si ispirano le nuove proposte per la prossima stagione.
Colori e temi di ispirazione naturale si mischiano a processi di produzione moderni, unendo passato e presente. I colori caldi della terra si incrociano a motivi etnici, le stampe esotiche si alternano a motivi acquatici. Il tutto in una perfetta armonia di culture che non tralascia i motivi più netti ed energici.
L’industria calzaturiera italiana segue i suoi prodotti nel loro viaggio intorno al mondo alternando paesaggi e suggestioni.

La vetrina di The Micam, dopo aver presentato in questa edizione la seduzione, soprattutto con la scarpa femminile, ci aspetta a febbraio con i temi del Purgatorio dantesco e le tendenza per il prossimo inverno.

 

Prospettive per il futuro: le nuove notizie fanno ben sperare

Durante la presentazione della fiera si sono analizzati i dati del settore calzaturiero italiano per i primi sei mesi del 2017, trovando percentuali positive soprattutto per quanto riguarda l’export.
Confermati quindi i risultati positivi del primo semestre dell’anno, nonostante le incertezze politiche di Russia, USA e Medio Oriente.
Dati che seppur non lasciano sbilanciare gli addetti al settore quantomeno li tranquillizza, dopo quasi dieci anni in frequente flessione. Importantissimi per le imprese i recenti accordi internazionali di libero scambio, siglati con Usa e Canada e quello con il Giappone, oltre alla collaborazione con i paesi dell’America Latina.

In trend positivo, seppur minimo, anche il mercato interno, che ribalta la costante flessione con un timido +1% dei consumi da parte delle famiglie italiane.

In continua crescita i fatturati dei grandi marchi, i cui primi dieci gruppi (Tod’s, Geox, Imac, Bag-NeroGiardini, Zanotti, Diadora, Primadonna, Golden Goose, La Sportiva e Olip) registrano un +2,1%.
Questi i numeri con cui il settore calzaturiero italiano si prepara all’unione delle principali associazioni dell’industria della moda italiana per la nascita di Confindustria Moda, che diventerà operativa da gennaio 2018.

Last modified onVenerdì, 03 Novembre 2017 12:43

CASLAM SRL

info@caslam.it
Office: +39.0825583490 - Fax: +39.0825534187
 
Viale Principe Amedeo, 146/152 - 83029 Solofra (AV) - Italy
P.IVA: 02712770649